Intervista a Franz e Chicco

Nicolini junior e senior assieme per l'Adamello Ski Raid

Published in News | ski |
02 apr 2015
by SCARPA®
Tag: scialpinismo skirace ski mountaineering

È sempre difficile trovare un socio con cui correre le gare di scialpinismo. Bisogna avere passo simile e massima armonia in salita come in discesa. Ancora più raro è trovare una cordata come quella di Franco “Franz” e Federico “Chicco” Nicolini: padre e figlio legati assieme per correre l'Adamello Ski Raid 4000 metri di dislivello e 42 km!

Cosa ti piace delle gare?
Franz
- Grazie ai miei genitori che mi portavano in montagna fin da bambino è nata subito una grande passione per l'alpinismo e l’arrampicata.
La sicurezza incrementa con l'allenamento e il mondo delle gare di sci alpinismo mi ha da sempre incuriosito, come ad esempio apprendere modi e metodi della preparazione fisica e trasferirli nel mondo dell'alpinismo.Per questo motivo ho cominciato a gareggiare, poi, vedendo i risultati che portavo a casa mi sono totalmente dedicato al mondo della montagna: forza e sincerità.Gli anni sono passati, i partecipanti anche, coinvolgendo sempre più persone anche di altre discipline, ma vedo che lo spirito e filosofia di rispetto e sano agonismo di correre in mezzo alle montagne per adesso non cambia ed è questo il bello delle gare.

Cosa non ti piace delle gare?
Chicco - L’ambiente delle gare è molto speciale e i mi ci trovo molto bene! Dovendo proprio trovare una caratteristica che non mi piace è che durante le competizioni devi confrontarti e combattere contro i tuoi amici.

Parlaci di tuo figlio
Franz -
Federico è cresciuto in famiglia a pane e montagna e credo che come anche Elena si sia appassionato di questo mondo e delle sue attività sportive.Per il suo futuro la mia speranza è che questa passione resista, diventi una professione, e che possa esercitare questa attività in mezzo alle montagne sempre rispettando i compagni.

Perché hai deciso di correre in coppia con tuo padre?
Chicco - Io e mio padre siamo molto legati sia in ambito sportivo che nella vita quotidiana. Spesso ci alleniamo insieme, due anni fa abbiamo corso assieme la Pierra Menta e in questa gara ci siamo trovati molto bene!
Ho deciso di correre anche questa gara con lui perché per prima cosa siamo abbastanza equilibrati sia in salita che in discesa, secondo penso che correre con il proprio papà sia un privilegio riservato a pochi!

Quanto conta l’esperienza e quanto le gambe in una gara come questa?
Franz -Questa è una gara molto lunga in ambiente di alta montagna e per arrivare alla fine si devono bilanciare bene le forze quindi bisogna avere tanta esperienza per capire le energie residue ma anche essere in grado di monitorare lo stato del compagno di gara, riuscendo a dare sempre il massimo.

Tuo padre parla de “la maniera di andare in montagna”. A cosa credi si riferisca?
Chicco - Mio papà utilizza spesso questo termine!
Lui inizialmente si è avvicinato alle gare di sci alpinismo per avere un buon livello di allenamento in montagna.
Questo allenamento lo utilizza per la sua sicurezza in quanto dice sempre: “più veloci si fa la salita meno tempo si sta esposti ai pericoli della montagna”.

A cosa ti riferisci quando parli de “la maniera di andare in montagna”?
Franz -
Questa è una frase che spesso dico e riassume in poche parole una filosofia di andare per montagne. Sono convinto che un ottimo allenamento fisico e tecnico unito a una forma di valutazione ambientale in montagna fa giungere a uno stato di sicurezza fondamentale per riuscire a tornare a casa. Quando ho concatenato i 4000 delle Alpi in continuità per 60 giorni, rimanendo tante ore su creste, ghiacciai e pareti avevamo una grossa probabilità di incorrere in incidenti, ma allenamento e valutazione ambientale hanno ridotto al minimo questi rischi, Questa è per me " la maniera di andare in montagna" ognuno ovviamente al suo livello.

Quale è il tuo prodotto SCARPA preferito?
Chicco - Da anni sono un atleta SCARPA® perciò sono riuscito ad assistere all’evoluzione dei vari modelli di scarponi da sci alpinismo. Sicuramente al momento il più performante e leggero della collezione: Alien 2.0

Perché ti affidi da anni ai prodotti e all’azienda SCARPA?
Franz - Ho conosciuto SCARPA®molti anni fa quando ho collaborato per testare il famoso F1 e in quel momento ho apprezzato la passione e la
competenza degli uomini SCARPA®. Adesso per me SCARPA®non più uno " sponsor", ma degli artigiani della scarpa a cui mi rivolgo per raccontare le mie/nostre necessità e per testare materiali sempre più performanti.

Parlaci del tuo essere “falopa…”
Chicco - Essere falopa significa buttarsi sul divano e guardare la tv... #questavitamidistrugge

TOP