Photogallery: Orbayu

Nina Caprez e Cedric Lachat sulla famosa via multipitch spagnola. Crediti fotografici Sam Biè

Published in News | climbing |
22 giu 2015
by SCARPA
Tag: arrampicata sportiva climbing
Photogallery: Orbayu

Orbayu è una via aperta dai fratelli Pou e ripetuta per la prima volta da Nico Favresse e Adam Pustelnik. È una via che unisce una nuova via chiodata di free climbing e una via artificiale. Orbayu si trova nel Naranjo de Bulnes, Picos de Europa, Spagna. Il tiro chiave, originariamente gradato 8c+/9a  ha fatto rientrare questa via fra le più dure al mondo. Nico Favresse e Adam Pustelnik gli hanno assegnato un grado di 8b+/8c. Nina e Cedric l’hanno valutata come 8c. I gradi della via sono rispettivamente: 8a, 8a, 7c, 7°, 8c, 7c+, 6b+, 6° più altri cinque tiri più facili fino all’uscita.

Riviviamo l’impresa con le migliori fotografie commentate direttamente da Nina.





Preparazione del materiale prima di afforntare le tre ore di avvicinamento fino al Pico de Urriell



Avendo tantissimo materiale ci siamo serviti di alcuni muli per trasportare tutto fino alla base della via.



Il primo giorno non avevamo idea di che tipo di attrezzatura portare con noi, quindi Cédric ha attaccato all’imbrago praticamente ogni stopper e friend che avevamo con noi. Cedric era un po’ preoccupato riguardo a cosa aspettarci.



Cédric sul primo tiro. Un tiro un po’ pericoloso, su roccia non solida e difficile da proteggere. L’arrampicata in compenso è molto bella.



Io sulla parte finale del primo tiro. Un vero piacere iniziare ad arrampicare sul granito spagnolo!



Passaggio di materiale e preparazione per il giorno seguente. Soliti gesti al termine della giornata.



Condizioni climatiche avverse e tempo instabile sono la normalità sul Picos de Europa. Abbiamo passato moltissimo tempo in rifugio aspettando che le condizioni migliorassero.

Secondo tiro. Un altro 8a da togliere il fiato. Bellissimo scalare su queste montagne.

Orbayu è una via con diverse sezioni trad dove bisogna sapersi proteggere



Cedric sul quinto tiro, quello chiave, un solido 8c. Anche questo tiro era protetto perlopiù da chiodi e nuts. All’inizio eravamo un po’ preoccupati di fare grossi voli, poi invece abbiamo volato su qualsiasi protezione…
ma siamo vivi

La famosissima Orayu…



Ultimo tiro alpinistico su bellissimo granito.



Dopo 550 metri di arrampicata… giornata memorabile!



TOP