Patagonia tempestosa con Doerte Pietron e Sarah Hart

Pioggia forte, vento costante, apprezzare e condividere ogni singolo momento insieme

Published in News | mountain |
08 mar 2018
by Scarpa®
Tag: climbing alpinismo
Patagonia tempestosa con Doerte Pietron e Sarah Hart

Due donne e un grande sogno. Doerte Pietron e Sarah Hart, amiche e compagne di cordata, vogliono condividere con noi la loro esperienza in Patagonia.

Dopo diverse stagioni con condizioni climatiche eccezionalmente buone per arrampicare, le ultime due ci hanno riportato alla Patagonia dei tempi passati, con la pioggia battente e il vento costante che l’hanno resa famosa. È come se queste montagne stessero facendo del loro meglio per recuperare l'aura di impossibilità che avevano una volta.




La mia partner Sarah Hart è un’arrampicatrice canadese (Canada occidentale) abituata a venire qui regolarmente, che si era presa una pausa per qualche stagione. Appena arrivata è rimasta sorpresa dal brutto tempo, era abituata a una Patagonia soleggiata e più amichevole. Sarah è una delle mie partner preferite per arrampicare. Spesso è più facile e stimolante arrampicare in una cordata tutta al femminile, il cameratismo è speciale e ci si capisce al volo.






Abbiamo grandi sogni, ma la realtà li distrugge velocemente. Tuttavia disponiamo di una scorta ben fornita di attrezzatura e facciamo brevi tratti del lungo traverso che speriamo di riuscire a completare.  In questo modo, ci alleniamo e iniziamo a lavorare bene insieme, diventando una cordata molto affiatata.





Non siamo venute qui per arrampicarci velocemente su vie corte, ma è tutto quello che riusciamo a fare nelle brevi finestre di bel tempo, tuttavia ne apprezziamo comunque ogni momento, ogni passaggio.




Facciamo uno sforzo per mantenere un atteggiamento spensierato, ridendo di noi stesse, imprecando contro il maltempo e apprezzando di essere là fuori, non importa quanto insignificante sia l’arrampicata. Controlliamo compulsivamente ogni mattina le previsioni meteo, sperando in un miracolo dell’ultimo minuto, che però non si materializza. Nel frattempo facciamo piani per il futuro, pensando a luoghi con tempo molto più stabile.







 

TOP