Atleti o alieni? Grandi performance del team SCARPA alla Coppa del Mondo di Scialpinismo

Robert Antonioli travolgente, ma è solo la punta dell'iceberg dei grandi successi italiani di questo inizio stagione

Published in News | ski |
28 gen 2019
by Scarpa
Tag: skirace scialpinismo ski mountaineering
Atleti o alieni? Grandi performance del team SCARPA alla Coppa del Mondo di Scialpinismo

Grande successo da parte degli atleti-alieni SCARPA® in queste prime gare di Coppa del Mondo di scialpinismo.
In Andorra in particolare, il podio calzava interamente Alien 3.0 (dietro a Robert Antonioli e Matteo Eydallin, il francese Xavier Gachet). SCARPA® anche in quarta e sesta posizione con Davide Magnini (primo degli under 23) e Anton Palzer

Tanti successi SCARPA® e tanti successi italiani.
L'emblema di questi traguardi è Robert Antonioli, che con carisma, gran classe e una forma fisica stratosferica sta dominando l'inizio di stagione.  

Due vittorie e altri due podi nelle prime quattro gare. Questi i numeri del fuoriclasse di Sondalo che quest'anno è partito veramente alla grande. Tutto è cominciato in Austria la settimana scorsa, con la vittoria della sprint ed il secondo posto nell'individuale dietro a Michele Boscacci. Questo weekend in Andorra Robert è stato di nuovo protagonista indiscusso ed ha continuato a raccogliere punti importanti per il proseguimento della stagione. Sabato Robert si è dato battaglia con un sorprendente Matteo Eydallin. Robert scollina dopo la prima salita in seconda posizione: rimane concentrato e continua a rubare terreno, con calma, ma in modo inesorabile. Riesce a "scappare via" sull'ultimo cambio in salita e guadagna qualche secondo. Sono solo pochi metri preziosi, ma che gli permettono di gestire la discesa finale e tagliare il traguardo per primo. Una gara durissima. 




Domenica poi è toccato alla prima vertical della Coppa del Mondo.

Robert sa che dovrà soffrire, è il suo punto debole, ma prova lo stesso a guadagnare qualche punto per la classifica generale.
Parte ad un ritmo forsennato, assieme al solito compagno di squadra Michele Boscacci, ma poi i due non riescono a contenere gli svizzeri Werner Marti e Rémi Bonnet. Robert chiude terzo, confermando di essere in gran forma. Ora una settimana di riposo, allenamento e preparazione psicologica per la terza tappa, in Francia. Questo inizio di stagione è veramente fitto di appuntamenti e il prossimo weekend bisognerà dare il massimo di nuovo: ci saranno altre due gare piene di sfide, sorprese e colpi di scena.

Noi ci saremo, per accompagnare gli atleti su e giù lungo i percorsi di gara e per continuare ad emozionarci con questo bellissimo sport. Noi saremo là, ai loro piedi, con il cuore che batte assieme al loro.





















 

TOP