Mike Leake

Una nuova stagione: amando ogni curva... il racconto della sua esperienza

Published in News | freeride |
29 set 2013
by Mike Leake
Tag: freeride
Mike Leake

Con l’inverno dietro l’angolo, immagino come la maggior parte della gente inizi a prepararsi come al solito, con allenamento a secco, esercizi in palestra, spolverare il materiale e guardare filmati di sci. Per molti sciatori questi sono i rituali dell’autunno. Anche i miei sono di questo tipo e naturalmente tutto questo è associato a un senso di grande anticipazione. Ma cosa succede se questo rituale è interrotto da una malattia che può cambiare radicalmente lo stile di vita? Quest’anno la mia anticipazione per l’inverno dà una sensazione un po’ differente dagli anni passati. Porta un senso di apprezzamento e prospettiva.

La scorsa primavera iniziai a sentire alcuni insoliti dolori e acciacchi, soprattutto attraverso le articolazioni, che venivano a ondate. Nel lasso di un breve periodo, alcune settimane, per essere precisi, i dolori peggiorarono notevolmente, limitando la flessibilità, e le articolazioni si gonfiarono a dimensioni anormali. A questo punto, dovevo ammettere che c’era qualcosa di sbagliato e iniziai a preoccuparmi. 

Temendo il peggio iniziai con le visite mediche, test ed esami di laboratorio. I sintomi peggiorarono sempre più e iniziai a fronteggiare il fatto che questo potesse essere la fine della mia carriera di sciatore, o peggio. Arrivò al punto che semplici movimenti facevano male e tutto quello che toccavo cadeva a terra perché le mie mani erano troppo gonfie e doloranti per stringere qualcosa. All’inizio i miei sintomi sembravano probabili candidati per l’artrite reumatoide, tuttavia i test si rivelarono negativi. Anche i tumori più diffusi (al pancreas, ai testicoli, etc.) furono esclusi. Grazie a Dio. A quel punto i dottori sembrarono bloccati e sebbene molte possibilità fossero state escluse, ancora non c’erano risposte. Nessuno di noi lo avrebbe ammesso, ma sia io sia la mia fidanzata temevamo il peggio.

Dopo accanite ricerche sui miei sintomi in Internet decidemmo di provare a eliminare il glutine dalla mia dieta. Nonostante alcuni dei miei sintomi fossero indicativi della malattia celiaca, molti altri non lo erano e quindi sembrava poco probabile. Allo stesso tempo, la malattia celiaca ha un’ampia gamma di sintomi ed è una malattia alquanto poco diffusa e non ben studiata. 

Evviva, dopo una settimana circa escludendo dalla mia dieta il glutine, i sintomi mostrarono segni di miglioramento. Andai dal dottore per altri test e menzionai i miglioramenti e il cambiamento della dieta. Era ancora poco probabile che la Malattia Celiaca fosse la causa, ma convincemmo il dottore a fare lo stesso le analisi. La settimana seguente il dottore telefonò per i risultati. Mi era stata ufficialmente diagnosticata la Malattia Celiaca e possibilmente un Edema Angioneurotico. Anche se non bisognava prendere alla leggera la serietà di queste malattie, non riuscivo quasi a esprimere il sollievo provato nello scoprire che non era peggiore, molto peggiore. Posso tenere a bada questi problemi in gran parte con la dieta, che paragonato a molte cose, è una grande vittoria!

È passato un mese da quando il dottore mi ha comunicato la diagnosi e il mio corpo è tornato per la gran parte alla normalità. Non solo si è ridotto quasi completamente il gonfiore, ma l’esclusione del glutine dalla dieta ha migliorato la mia nutrizione in generale. Sto iniziando a prepararmi per la stagione sciistica e sto imparando a usare questi cambiamenti dietetici a vantaggio della mia nutrizione. Sentendo l’aria che diventa frizzante, mi riempio non solo d’eccitazione, ma anche di gratitudine. Sento meno pressione che negli anni passati, e sono abbastanza pronto per un inverno da godere semplicemente sugli sci. I miei soliti obiettivi per l’inverno includono cose come scattare foto, procurarsi pubblicazioni, generare contenuto per film o video pubblicitari, etc. Onestamente, dopo un’estate combattendo con pensieri del tipo “cosa farò, se non potrò più fare quello che amo”, quest’inverno apprezzerò semplicemente ogni curva sulla neve. 

Vorrei augurare a tutti un inverno felice, divertente e sicuro! Iniziamo i nostri rituali autunnali, andiamo fuori e divertiamoci!

TOP