IL CIRCO BIANCO DELLA COPPA DEL MONDO ISMF SBARCA IN GERMANIA

A Berchtesgaden a pochi chilometri di distanza dalla casa di Anton Palzer si correranno Vertical, Individual e Sprint Race.
La terza tappa della Coppa del Mondo ISMF di scialpinismo si disputerà a Berchtesgaden sulle nevi tedesche che hanno visto nascere e crescere “enfant prodige” dello scialpinismo Anton Palzer.
Nella tappa tedesca di Berchtesgaden, dopo l’annullamento della tappa cinese di Wanlong, venerdì mattina si disputerà anche il recupero della Vertical Race. Sabato mattina invece sarà la volta della classica Individual Race mentre domenica mattina andrà in scena la spettacolare Sprint Race. Il campo di gara sarà del dominio sciabile di Jennerbahn.
Anche se nei primi giorni della settimana le condizioni meteo non sono state favorevoli le previsioni annunciano per il fine settimana tempo stabile e soleggiato.
​​​​​​​
Anton Palzer, atleta di casa e portacolori della nazionale tedesca ci racconta come “vive” questa Coppa del Mondo.

Cosa significa per te gareggiare tra le nevi di casa?
Per me è fantastico gareggiare dove abito, Berchtesgade. I primi passi nello scialpinismo li ho compiuti tra queste montagne. Qui ho vinto il primo titolo élite a 16 anni! E queste montagne sono perfette per una tappa di Coppa del Mondo.

Dopo le prime due tappe di Coppa del Mondo, cosa ti aspetti dalla prossima?
Spero di fare una buona gara come in Andorra. Sono in forma ma dopo l’individuale in Andorra ho avuto qualche problema di stomaco… per questo motivo la vertical del giorno dopo non è andata molto bene. Il primo obiettivo sarà godermi il weekend di gare a casa!

A che punto è il tuo allenamento?
Sono ad un ottimo punto! Ma sarà dura raggiungere il podio. Ci sono molti atleti ad un altissimo livello che possono giocarsi la vittoria, ma è bello vedere crescere il livello di questi atleti e dello scialpinismo.

Quali sono gli obiettivi per questa stagione?
Puh. È dura raggiungere una buona posizione nella Overall World Cup perché non ci sono molte gare, soltanto 4 tappe. Se stai male durante una tappa è quasi impossibile posizionarsi bene nella classifica finale. Un grande obiettivo di questo inverno è il Pierra Menta, dove gareggerò con il mio amico svizzero Martin Anthamatten, e anche i Campionati Europei.
​​​​​​​
Tre gare in tre giorni, come ti gestirai per affrontarle al meglio?
Il segreto di questo weekend sarà il recupero. Fisioterapia, buon cibo e molto sonno… è come un piccolo Pierra Menta, un’ottima preparazione per quello vero!

​​​​​​​Credits: Areaphoto