JERNEJ KRUDER BACK IN THE GAME

Il campione sloveno torna ai suoi massimi livelli dopo un brutto infortunio alla mano.
Jernej, si tratta della prima salita di un tuo vecchio progetto, raccontaci un po' della storia di questa via
Questa piccola area molto strapiombante si trova vicino a Golobove pečine, che era già una zona con molte vie difficili. A Sopota, all'epoca, c'erano solo vie facili (fino al 7a) sull'altro lato della cascata. Nel 2011 ho trovato la linea più logica "Il segreto" e gli diedi 8c. Oggi è una delle vie più facili in questo settore. L'anno dopo ho chiodato un'altra linea. Sapevo che era possibile, ma non riuscivo a risolvere il primo passaggio chiave. Ho pensato che fosse impossibile. È così che ho trovato un inizio alternativo. Ho aggiunto 2 spit a destra, dove ero in grado di passare il problema del boulder iniziale. Questo passaggio è probabilmente 8a dyno, a cui segue una bellissima arrampicata di forza resistente per altri 15 metri.
Nel 2014, sono finalmente riuscito a mettere tutto insieme ed è allora che è nato "In time" 8c + / 9a. Dopo, mi sono lentamente ritrovato senza nuovi progetti intorno a casa mia, quindi ho deciso di risolvere finalmente l'inizio originale del mio progetto. Da quando l'ho provato per la prima volta ho capito che avrei dovuto saltare. Il lancio era complesso e difficile, ma non mi sarei arreso. Fortunatamente sono stato abbastanza determinato, ho finalmente tenuto l'oscillazione della sbandierata (grado del boulder di ingresso 8b FB) nel 2019, subito dopo la mia seconda vittoria in Coppa del Mondo. Ho dovuto continuare a tornare, finché ho finalmente potuto mettere insieme tutto - "Peščena ura" 9a.
 
Hai altri progetti in mente al momento? Come ti approcci alle realizzazioni outdoor? Hai un piano con degli obiettivi prefissati o semplicemente vai a scalare e accade il "miracolo"?
Certo che ho in mente altri progetti. E non è troppo difficile scegliere quale provare, poiché non ce ne sono rimasti così tanti. Quindi viaggio in Slovenia e cerco di scegliere luoghi in cui anche i miei amici abbiano qualcosa da provare o dove le condizioni siano migliori. Al momento sto provando un'altra via 9a nella parte nord della Slovenia ... in attesa che avvenga il miracolo.
 
L'infortunio che a quanto pare hai completamente recuperato, ti ha tenuto fermo dall'arrampicata per un certo periodo, ti sei dedicato ad altro? come hai vissuto quei momenti senza un elemento così centrale nella vita di un top-climber?
Fortunatamente ci sono voluti solo un mese e mezzo dopo l'infortunio, pervpoter ricominciare a scalare. In quel momento è stato difficile, dato che avevo in mente tanti progetti che volevo finire. Inoltre tutti i miei hobby includono le mie braccia, quindi è stato difficile trovare qualcosa che mi avrebbe tenuto occupato durante la riabilitazione. L'unica attività ''legale'' per me era l'escursionismo. Quindi in queste 6 settimane ho visitato alcune vette, che non avevo mai visitato prima. La Slovenia è un posto così bello da vivere. Quindi, appena ho potuto, ho iniziato a salire su alcune vie più facili.


​​​​​​​
Ti senti di dare qualche consiglio su come recuperare al meglio dopo un brutto infortunio? Qual è stato il tuo segreto per tornare prestissimo ad alto livello?
Non sono un esperto nel dare consigli sulla riabilitazione e inoltre, ci sono milioni di lesioni diverse che devono essere trattate in modo diverso. Avevo un dottore davvero bravo (Volker Schoffl) per quello. Eravamo in contatto tutto il tempo, mi ha mostrato alcuni esercizi e basta. Naturalmente c'è anche una parte mentale del recupero. Per questo, come ho detto, dovevo trovare un nuovo hobby che mi avrebbe occupato il tempo. Ho anche tenuto a mente i miei progetti, quindi continuavo a scalarli nella mia testa. Non appena ho potuto ricominciare a salire, non ho avuto esitazioni. Nel primo mese è stato piuttosto difficile, dato che sentivo ancora dolore durante l'arrampicata. Ma tenere a mente i progetti, è stata l'unica cosa che mi ha spinto in avanti e a dimenticare il dolore. Ed è stato bello sentire i progressi. Salendo il mio primo 8a dopo l'infortunio, 8a +, 8b, 8b +, 8c, 8c + e infine 9a.
 
Non possiamo non farti una domanda sulla crisi sanitaria globale che stiamo vivendo, ha cambiato qualcosa in te? E se si cosa?
Niente. C'è un po' di rabbia dentro di me, dal momento che non mi è permesso viaggiare in altri paesi, ma questo è quello che ci troviamo. Fortunatamente la situazione in Slovenia non è stata troppo grave, quindi siamo stati pochi giorni rinchiusi nel mio balcone e nella palestra dei miei genitori. D'altra parte, non c'è stata alcuna pressione da parte della squadra nazionale, e ho avuto tutto il tempo dell'universo da spendere per ciò che amo di più: arrampicare fuori.


​​​​​​​
Credits: Martin Zorko