Daniel Jung, esordio di stagione col botto: vittoria spettacolare a La Palma

L’altoatesino domina uno dei trail “corti” più duri d’Europa. “E adesso punto alla Transvulcania Ultramarathon”
Ha vinto, ha battuto il record della pista e il giorno dopo era già di nuovo sui sentieri, per studiare il percorso della Transvulcania Ultramarathon, la sua prossima meta. Il protagonista è Daniel Jung, l’atleta altoatesino del team SCARPA® che apre le danze della stagione dei trail con una prestazione superba. La gara scelta è stata il Trail Acantilados del Norte una delle gare più dure in Europa per la sua distanza, ossia "soli" 29 chilometri. Si corre nella cornice selvaggia dell'isola di La Palma, al nord: si parte dal paesello di Garafia e si arriva a Barlovento, in parte sul sentiero Camino Real de la Costa. Paesaggi mozzafiato sul mare, terreno duro che oscilla dai 10 ai 600 metri, in un perenne saliscendi che alla fine costa sulle gambe dei runner qualcosa come 4000 metri di dislivello in un paesaggio quasi integralmente vergine, eroso dal sole e dall'aria marina. “Una gara bellissima, stavo bene dall’inizio, mi sono davvero divertito”. 

Queste le parole di Jung all’arrivo, sorridente come non mai. È riuscito a tagliare il traguardo in 2 ore e 54’, migliorando il record della gara di otto minuti, dopo una guerra combattuta coi denti e coi rivali Hannes Nanberger (2 ore e 56’) e Tito Parra (3 ore e 2’). “I miei rivali erano fortissimi, ma era la mia giornata”, ha detto Jung, che ha deciso di fermarsi nel paradiso terrestre spagnolo per alcuni giorni per studiare il tracciato della sua prossima sfida, quella che correrà il prossimo 11 maggio. “La stagione è iniziata nel migliore dei modi, adesso guardo avanti, punto alle gare della Skyrunner World Series e sono pronto ad allenarmi duramente per vincere”